SEO: i 10 errori da evitare nella pianificazione delle vostre parole chiave 1

SEO: i 10 errori da evitare nella pianificazione delle vostre parole chiave

Articolo a cura di Max De Rosso, specialista SEO ilmioposizionamento.it

Come non commettere certi errori nella vostra ricerca

All’inizio sembra quasi troppo facile. E lo sembra davvero. Trovate uno strumento per le
parole chiave e digitate qualsiasi termine di ricerca che vi viene in mente. “Et voilà”! Come
per magia, scoprite quante persone stanno effettivamente cercando la parola chiave da
voi usata, oltre ad un’intera serie di altre statistiche utili, come il costo medio per click della
stessa parola chiave, i vostri competitors, l’offerta suggerita e altri dati, a seconda dello
strumento dedicato che state utilizzando.


Tuttavia, prima di essere troppo precipitosi nello scegliere una parola chiave come vostro
target, sappiate che nella pianificazione delle parole chiave c’è molto di più di quello che si
crede. Ci sono parecchie “nuances” di fattori che potreste non aver considerato che
possono cambiare completamente la vostra strategia di ricerca. Per essere sicuri di
iniziare con il piede giusto, eccovi di seguito dieci errori da evitare.

1. Non rendersi conto che Google Keywords Planner può fornire dei risultati più accurati

Iniziamo con uno degli errori più banali: affidarsi ad uno strumento non appropriato. Il
primo strumento di pianificazione di parole chiave che probabilmente inizierete a usare
sarà Google Keywords Planner. Questo è lo strumento dedicato appartenente alla famiglia
Google dopo tutto, quindi sarebbe logico pensare che sia una delle opzioni più affidabili.


Se create rapidamente un account su Google ADS (in modo da poter accedere al
Keywords Planner) e digitate “content marketing vedrete che la colonna della media delle
ricerche mensili (Avg. monthly searches)” mostra un intervallo che va dalle 10 K (dieci
mila) – alle 100 K (cento mila) unità. E risulta essere di una portata piuttosto ampia, non
trovate? Potete ottenere una stima più precisa se avete una campagna Ads in corso. Una
volta impostata, dovrete attendere un giorno o due e inizierete per avere risultati più
precisi.


Molto meglio, sicuramente. All’inizio è normale non voler spendere molto per una
campagna AdWords – dopo tutto, non sapete ancora quali parole chiave rappresenteranno
il vostro target. Per risparmiare, potrete impostare un budget giornaliero basso e impostate
i filtri in modo che il vostro annuncio venga visualizzato solo poche volte al giorno. Sarà
necessario avere anche le impressions relative ai vostri annunci, altrimenti sarà difficile
accedere a statistiche più accurate sulle parole chiave.

2. Non distinguere singolare dal plurale

Google Keyword Planner raggruppa parole chiave plurali e singolari insieme. Se inserite i
termini “pannello animato” o “pannelli animati” nel planner, entrambi produrranno risultati
per quella che sembra essere la forma singolare della parola chiave.


Anche se pensate che i risultati di Google siano esattamente gli stessi sia per la forma
singolare che per quella plurale della parola chiave, ebbene non lo sono! Provate a voi
stessi. Molto probabilmente vedrete risultati simili, ma leggermente diversi per qualsiasi
parola chiave state cercando.


Google non offre più la possibilità di rendersi conto se è più popolare la forma singolare o
quella plurale di una parola chiave. La buona notizia è che ci sono dei programmi che
risolvono questa problematica. Sia i keyword planner di SEMrush che quelli di Moz sono
alternative valide che offrono l’analisi dettagliata di questi dati.

3. Ignorare i trend di ricerca

È facile focalizzarsi sul totale del volume di ricerca medio mensile e ignorare ogni
potenziale variazione dello stesso volume (mensile) avvenuta nell’ultimo anno.


Ad essere onesti, il più delle volte i numeri riguardanti il volume rimangono piuttosto
costanti di mese in mese, ma è sempre meglio fare le cose nel modo più giusto e quindi
dare un’occhiata. Molti strumenti di analisi delle parole chiave hanno già queste
informazioni disponibili su un grafico, sarà dunque utile tenerne conto.

Alcune keywords potrebbero aumentare gradualmente il volume di ricerca, mentre altre
potrebbero diminuirlo gradualmente. Tenere conto dei trend di crescita potrebbe essere
utile per decidere su cosa concentrarsi. Il volume di alcune parole chiave può anche
mostrare una certa stagionalità, risultando quindi più popolare in una stagione rispetto che
in un’altra.

4. Non tener conto dei tipi di corrispondenza tra parole chiave e della loro location

Chi ha l’occhio allenato avrà notato l’enorme discrepanza di volume ottenuta per la
keyword “pannello animato” tra i diversi tool per parole chiave citati negli esempi
precedenti.


Google mostra 12.000 ricerche al mese mentre SEMrush mostra 2.550 ricerche al mese
se includiamo versioni sia singolari che plurali della parola chiave. Cosa significa?


Ci sono due fattori principali che creano questa discrepanza. Il primo è il tipo di
corrispondenza. Vi suggeriamo di approfondire ogni tipo di corrispondenza leggendo la
pagina di supporto di Google. Google Keyword Planner utilizza di default un tipo di
corrispondenza generica mentre SEMrush utilizza la corrispondenza tra frasi.

L’altro fattore è la posizione. Per impostazione predefinita, Google include ricerche
provenienti da tutto il mondo, mentre SEMrush include di default solo quelle all’interno
degli Stati Uniti. Dopo aver tenuto conto di entrambe le differenze, otterrete risultati di
volume più allineati tra loro. La soluzione corretta è contestualizzare i risultati e fare
attenzione quando si fanno ipotesi sui dati delle parole chiave.

5. Sottovalutare le parole chiave a coda lunga

Le parole chiave a coda lunga sono frasi di ricerca più specifiche che di solito ricevono
meno traffico, ma hanno un tasso di conversione più elevato. Ad esempio, ResumeGo non
ha come target parole chiave generiche come “curriculum” o “CV”. Invece, ricercherà
parole chiave a coda lunga come “servizi di scrittura curriculum professionale”.


Otterremmo facilmente più traffico se fossimo ottimizzati per la parola “curriculum”. La
maggior parte delle persone che la digita nella barra di ricerca quella parola, non sta
probabilmente cercando di acquistare un servizio di scrittura di curriculum. Al contrario
potrebbero essere più interessati, all’apprendimento di suggerimenti per scrivere CV o alla
ricerca di modelli da utilizzare. Dall’altra parte invece, le persone che cercano la keyword a
coda lunga per cui ci siamo ottimizzati sarebbero quasi sicuramente interessate ai nostri
servizi di scrittura di curriculum. Diversamente non avrebbero cercato quelle specifiche
parole chiave.


È facile sottovalutare le parole chiave a coda lunga a causa dei loro volumi di ricerca più
bassi. Tuttavia, visto che le parole chiave a coda lunga rappresentano quasi il 70% delle
ricerche totali, sarà utile tenerne conto!

6. Non riuscire a capire che essere nella seconda pagina non significa niente

Pensate alla frequenza con cui vi capita di visitate la seconda pagina dei risultati di ricerca
di Google. Potreste anche avere difficoltà a ricordare l’ultima volta che l’avete fatto.


Se avete come target una parola chiave, assicuratevi di puntare alla prima pagina, perché
secondo studi come quello di Chitika, la prima pagina ottiene collettivamente il 91,5% del
traffico di una parola chiave. La seconda pagina ottiene solo il 4,8%.

7. Non fare abbastanza ricerche

Alcuni strumenti per le parole chiave forniscono dati che mostrano quanto sia difficile
classificare una keyword. Ad esempio, Mozilla Keyword Explorer ha una statistica di
difficoltà e opportunità.


Questo elemento può sembrare molto utile, e forse lo è in una certa misura, ma è
importante prendere in considerazione questi dati con cautela. Un modo più approfondito
di studiare la vostra concorrenza è usare MozBar. Questo tool vi consente di individuare i
backlink dei vostri potenziali concorrenti ed esaminare anche altre metriche. Con questi

dati potrete poi decidere se vale la pena provare a competere in quel settore specifico o
dirigervi su altri.

8. Giudicare la difficoltà esclusivamente sulla base dell’autorità della pagina e dei collegamenti

Molte persone usano MozBar, o tools simili, per valutare la difficoltà delle parole chiave
guardando le page authorities (PA) in competizione. Potreste essere tentati di concludere
che se la prima pagina della parola chiave “infografica” è disseminata di risultati 70-80 PA,
sarebbe molto più difficile posizionarsi con quella parola chiave rispetto che usarne una
come “saggistica”, per la quale la prima pagina potrebbe avere risultati con solo 50-60 PA.


Giungere a questa conclusione può essere fuorviante. E’ ovvio che per alcune parole
chiave è più difficile costruire dei link di ritorno (backlink) rispetto ad altre. Ad esempio,
qualcuno potrebbe pianificare una strategia in cui si impegna per la creazione di
infografiche gratuite per siti o blog ad alto trust e, in cambio, venire ricompensato con molti
backlink, attraverso l’anchor text “infografica”. Questa potrebbe essere una strategia ben
pensata e che potrebbe farvi ottenere molti collegamenti velocemente. Tuttavia, questa
stessa strategia non può essere applicata per una parola chiave come “saggistica”.


Quindi nonostante a volte una keyword abbia competitors con alto PA, potrebbe essere
comunque facile ottenere un buon posizionamento attraverso di lei. Molto dipende delle
strategie SEO che avete in mente per quella particolare parola chiave.

9. Non identificare il vostro obiettivo

Quando si parla di difficoltà delle parole chiave, a cosa ci si riferisce esattamente? A
quanto sia difficile comparire in prima pagina? A quanto è difficile essere presenti tra i
primi tre risultati? O a quanto è difficile raggiungere il tanto agognato primo posto?


Per alcune keywords, potrebbe essere abbastanza ragionevole ottenere la prima pagina,
ma quasi impossibile battere i primi tre risultati. Questo è il motivo per cui è così
importante stabilire chiaramente quali sono i vostri obiettivi SEO per ogni parola chiave e
quindi valutare la difficoltà nel raggiungere tali specifici obiettivi. Per alcune parole chiave
difficili, potreste generare un buon flusso di entrate semplicemente posizionandovi al
quarto o quinto posto nei risultati di ricerca.


D’altra parte, per altre parole chiave – magari quelle a coda lunga che hanno un minor
volume – solo essere al primo posto convoglierebbe abbastanza visitatori per giustificare il
costo economico (e non solo) della vostra strategia SEO.

10. Non rendersi conto che anche i vostri concorrenti stanno ottenendo nuovi link

È davvero naturale guardare le PA e i collegamenti di un competitor e pensare di poterlo
battere in pochi mesi. È positivo avere un buon livello di fiducia nelle vostre capacità, ma
non dimenticate che anche i vostri competitors non rimarranno fermi. Essi cercheranno di
costruire continuamente nuovi collegamenti. Entro la fine del periodo considerato, potreste
avere gli stessi collegamenti che i vostri competitors avevano all’inizio. Ma è altrettanto
possibile, che i vostri concorrenti possano nel frattempo aver “collezionato” altri backlink
importanti facendovi comunque rimanere in svantaggio.


Valutare la difficoltà non è solo pensare alle PA e ai collegamenti dei vostri competitors in
un dato momento. Si tratta di valutare il loro trend di crescita e se possibile accumulare
link più velocemente di loro.


Un ottimo modo per vedere quanto è attivo un sito con i suoi sforzi SEO è utilizzare la
funzione “Just Discovered” di Moz.

Conclusione

La pianificazione delle parole chiave è molto simile al gioco degli scacchi. Ci sono così
tante opzioni disponibili, che è impossibile sapere con certezza se avete fatto la mossa
giusta. Tutto quello che potete fare è pensare in modo critico, fare costanti ricerche in
merito alla vostra concorrenza, inquadrare bene i vostri obiettivi, e fare qualsiasi mossa
pensate sia la cosa migliore.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *